Stefano Velotti Incontra il Pubblico di STARTpointCAFFÈ

STARTpointCAFFÈ apre la sua seconda settimana di incontri con Stefano Velotti, docente di Estetica a La Sapienza, per una convesazione aperta a tutti sul tema della convivialità.

 

Convivialità. Istruzione per l’uso

Dalla nascita dell’opinione pubblica nei caffè e nei luoghi pubblici alla tendenziale distruzione degli spazi tradizionali di convivialità, dagli odierni progetti convivialisti ai rischi e alle opportunità dei nuovi ambienti mediali: quali forme può assumere la “domesticazione del tempo e dello spazio” che ci caratterizza come specie? Quali opportunità storiche possono profilarsi oggi per creare nuovi legami nell’eterogeneità della vita urbana? Quali “arti e mestieri”, e quali tecniche, possono contribuire a creare forme di vita più degne?

Stefano Velotti insegna Estetica presso il Dipartimento di Filosofia della ‘Sapienza – Università di Roma’, dove è ‘Senior fellow’ della ‘Scuola Superiore di Studi Avanzati’, ed è stato Visiting Professor nelle Università di Stanford, Yale, UCSB e UCLA. Ha lavorato per l’editoria, per Radio Tre e per i programmi educativi della Rai. Scrive per le pagine culturali di quotidiani e periodici nazionali. Tra i suoi libri più recenti: Dialettica del controllo. Limiti della sorveglianza e pratiche artistiche, (2017); La filosofia e le arti. Sentire, pensare, immaginare (2012); Estetica analitica. Un breviario critico (2008); Storia filosofica dell’ignoranza (2003).

Stefano Velotti insegna Estetica presso il Dipartimento di Filosofia della ‘Sapienza – Università di Roma’, dove è ‘Senior fellow’ della ‘Scuola Superiore di Studi Avanzati’, ed è stato Visiting Professor nelle Università di Stanford, Yale, UCSB e UCLA. Ha lavorato per l’editoria, per Radio Tre e per i programmi educativi della Rai. Scrive per le pagine culturali di quotidiani e periodici nazionali. Tra i suoi libri più recenti: Dialettica del controllo. Limiti della sorveglianza e pratiche artistiche, (2017); La filosofia e le arti. Sentire, pensare, immaginare (2012); Estetica analitica. Un breviario critico (2008); Storia filosofica dell’ignoranza (2003).

Share your thoughts